Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Cu.Bo - Savena 0-1

Scritto da Administrator Il . Inserito in Partite

Cubo-Savena 0-1 Buonissima partita dei biancorossi che sul piano del gioco e delle occasioni dominano la capolista ma vengono puniti sull'unico tiro in porta degli avversari. Sconfitta che brucia ma che fa parte di un processo di crescita e maturazione.

 

Giornata quasi primaverile sul sintetico del "Cubo Stadium", terza gara consecutiva disputata sul terreno amico, ospite della gara la capolista Savena, vecchia conoscenza della categoria, squadra sempre arcigna e scafata, un avversario che si è sempre dimostrato ostico e spesso vittorioso contro i Baldini-Boys; diciannove i convocati tra i quali al centro dell'attacco non figura Verdolini, l'ultimo infortunato in termini di tempo in casa Cu.Bo, che nella partita contro il Marzabotto ha rimediato una frattura alla mano.
Agli ordini del Sig. Dispinzieri le due compagini si schierano a metà campo, completo nero per il Cu.Bo, completo granata per il Savena, confermando il modulo delle ultime giornate Mister Baldini schiera i seguenti undici:

Finotti, Collina, Melis, Cicognani, Marchesini, Marchi, Uguccioni, Musiani, Scarfò, Bastarrica, Giudiceandrea

Dopo appena 1 minuto di gioco gara interrotta per sostituzione della maglia dei padroni di casa causa problemi di colori, si opta quindi per un'accoppiata cromatica di dubbio gusto: maglia biancorossa + pantaloncino nero che farebbe impallidire gli stilisti della Kontatto®.
Fin dalle prime battute sono i Cubisti a fare la partita con il Savena trincerato dietro nel tentativo di sfiancare i più giovani avversari, da entrambe le fasce arrivano i maggiori pericoli con le due catene a funzionare egregiamente, in uno dei cross di Collina si avventa di testa Musiani che angola troppo e spedisce fuori di non molto; in avanti Bastarrica pressa su chiunque e di "garra" sudamericana crea scompiglio e pericolosità, minuto 10 da corner ci prova Cicognani ma senza fortuna, poi è il turno di Giudiceandrea trovarsi il pallone tra i piedi a poco più di 1 metro dalla porta, purtroppo la conclusione a botta sicura viene deviata in angolo dal prodigioso intervento in scivolata del difensore del Savena.
La pressione è costante con Scarfò e Marchi spesso impegnati della manovra mentre la coppia dei due mediani Musiani-Uguccioni si preoccupa di arginare le poche iniziative degli ospiti affidate al numero 9 stranamente defilato sulla fascia sinistra.

Alla mezz'ora occasionissima per Bastarrica che raccoglie un cross di Marchi, mette giù in area e conclude in diagonale ma la sfera lambisce il palo di sinistra e termina sul fondo, successivamente ci prova Marchi con un tiro al volo servito da Musiani ma anche questa volta la palla non vuole saperne di entrare.
Minuto 35 è il turno di Giudiceandrea con un tiro da fuori impegnare l'estremo difensore con una respinta bassa in corner fino al termine del primo tempo che manda le squadre al riposo con la consapevolezza di aver giocato bene e di averle tentate tutte per sbloccare il risultato.
Nel secondo tempo subito un cambio, esce Uguccioni già ammonito, al suo posto Tanfani per cercare di dare più "geometrie" al centrocampo, la ripresa vede rotolare sulla falsariga del primo tempo con il Savena a difendersi e il Cu.Bo ad attaccare con un pò meno spinta della prima frazione.
La sfera stagna più a metà campo e la mossa dell'allenatore del Savena di spostare il numero 9 in avanti genera un pò più di apprensione da parte dei due centrali biancorossi che comunque controllano.
I minuti passano tra svolazzare di cartellini gialli da ambo le parti e incitamenti da parte degli Ultras Cubo a non mollare, minuto 25 l'occasione più nitida della gara avviene sui piedi di Giudiceandrea che, servito magistralmente da Tanfani controlla in area completamente solo, spiazza il portiere ma conclude incredibilmente sul palo. A questo punto un pò di timore astrologico comincia a serpeggiare tra gli increduli giocatori e supporter locali, Mister Baldini sostituisce proprio l'autore del non-gol e 5 minuti dopo la classica "legge del cacio" punisce spietata: palla in profondità dentro all'area per il numero 21, i due centrali difensivi vanno a marcare lo stesso uomo dimenticandosi in area la punta che riceve la sfera sbucata tra una selva di gambe e batte il fin'ora inoperoso Finotti per la più classica delle beffe.
La reazione dei biancorossi a pochi minuti dal termine è confusionaria e saltano gli schemi, tant'è che proprio all'ultimo secondo con tutta la squadra proiettata in area avversaria da un contropiede il numero 9 tenta un pallonetto che termina poco alto sulla traversa proprio sul fischio finale. Oggettivamente 2 tiri 2 gol sarebbero stati troppi...

 

Che altro dire: la rabbia è tanta anche perchè forse con un pò di lucidità si poteva tranquillamente portare a casa un pareggio che sarebbe stato comunque stretto, la sconfitta sa di ulteriore beffa ma anche questo è il calcio e occorre accettarlo e metabolizzarlo il prima possibile con la consapevolezza che alla fine del campionato gli episodi si compenseranno; questa volta c'è andata male: bravi e sfortunati noi, bravi e fortunati loro.
Ad ogni modo teniamo vive nelle nostre menti questa rabbia per il risultato, la gioia sfrenata (anche un pò eccessiva) dei nostri più titolati avversari e la buona prestazione che abbiamo fornito. Continuando così il campo alla fine ci restituirà ciò che ora ci ha sottratto. Bravi tutti, siamo sulla strada giusta e questi inconvenienti serviranno ad essere più forti.

 

La sconfitta è un dono non richiesto: accresce lo spirito comune e forgia l’anima. (Mario Kempes)

 

Migliore in campo: la squadra

mister intervistaNonostante la delusione per il risultato negativo, paradossalmente sono molto contento e soddisfatto della partita che ha giocato la mia squadra, credo si sia dimostrato a noi stessi che siamo all'altezza di quelli che quest'anno lotteranno per la vittoria finale, non voglio peccare di presunzione ma far capire ai miei ragazzi che possono giocarsela con chiunque. Abbiamo sicuramente disputato una gara volitiva e determinata. Nel primo tempo abbiamo giocato ad una porta ed in una metà campo, quella dei nostri avversari. Nel secondo tempo ci siamo abbassati un pò e abbiamo lasciato qualche iniziativa a loro continuando comunque ad attaccare. Prima di capitolare abbiamo avuto anche la grande occasione colpendo un clamoroso palo a tu per tu con il portiere. La rabbia e le discussioni ci stanno dopo una partita così. Penso sia uno dei risultati più ingiusti che abbiamo subito da quando esiste il Cubo. Comunque bravi Pipperi e Forza Cubo!!!

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets