Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Cu.Bo - Serena80 0-0

Scritto da Administrator Il . Inserito in Partite

Cubo-Serena80 0-0Lo scontro per un "posto al sole" si conclude con un nulla di fatto. Le difese prevalgono sugli attacchi con il risultato che il pari a reti bianche serve solo alla capolista.

Gara più tattica che bella in un assolato Pilastro Stadium, due grossissime occasioni per i biancorossi non sfruttate a dovere lasciano l'amaro in bocca agli uomini di Mister Baldini. Ai punti si sarebbe vinto, ma siccome questo è calcio e non boxe risultato tutto sommato che rispecchia i valori in campo. Ed ora tra il 2° e il 6° posto è piena bagarre...

Sabato pomeriggio, 20°C, due p.m. Nella radura dello "Stadium" un rovo di cespugli fa capolino e rotola sul campo sospinto da una leggera brezza proveniente da ovest ignaro di quello che capiterà (o che non capiterà) di lì a poco.
I Cubisti arrivano alla spicciolata con gli occhi ancora impastati di sonno, alcuni reduci dalla missione di recupero della Ugo-Graziella avvistata poco prima murata ad un palo di via del Borgo, altri catapultati direttamente da Venezia al campo senza passare dal via. Da vecchio volpone dell'area di rigore, Mister Baldini aveva già provveduto ad annullare la sera prima tutti gli ingressi omaggio e free-drink intestati a qualsiasi membro della rosa nell'arco di 100Km dal centro di Bologna.

Per il match-clou della ventesima giornata di campionato terna arbitrale superaccessoriata capitanata dal Sig.Busnelli e tribuna gremita di tutto l'alto staff dirigenziale della Federazione; maglie biancorosse per i padroni di casa, completo blu scuro per gli ospiti, la terna risponde con un sobrio giallo fosforescente.
Mister Baldini ripropone il modulo collaudato dell'ultimo periodo girando come di consueto alcune pedine:

Finotti, Collina, Cicognani, Melis, Marchesini, Musiani, Tanfani, Edmonds, Scarfò, Doraci, Giudiceandrea

Pronti via e subito le due compagini provano a mantenere il predominio a centrocampo, senza peraltro riuscirci in maniera significativa. Il campo in non perfette condizioni non aiuta certamente il bel giuoco e i controlli della sfera, il Serena 80 accusa meno l'effetto "palla matta" per via della propria impostazione di gioco più propensa a lanciar lungo a scavalcar la mediana che a provare fraseggi; nei primi 20 minuti infatti si assiste ad un leggero predominio degli ospiti senza però creare grattacapi alla difesa biancorossa che si limita a controllare le palle aeree destinate al numero 9 avversario.
Dall'altra parte della barricata si cerca di inventar qualcosa grazie alle discese di Scarfò e Doraci da destra ma tutta la manovra sembra risentire, forse, del caldo o della disposizione tattica del Serena 80.
Dal minuto 21 in poi i Cubisti iniziano però a prendere il predominio a centrocampo e immediatamente si rendono pericolosi con una occasionissima creata da Edmonds che salta un paio di giocatori per poi servire al centro area Giudiceandrea, il "killer" controlla e da mezzo metro calcia a botta sicura, abilissimo l'estremo difensore a intuire l'angolo e a deviare d'istinto.
La replica del Serena 80 è tutta in un cross dalla destra che va fortunosamente a scheggiare la traversa ma sarebbe stato obiettivamente troppo. L'intervallo arriva giusto per far raffreddare la temperatura della calotta cranica dei 22 in campo più la manciata dei panchinari che sotto le cupole in plexiglass iniziano a dare i primi segni di cedimento da lessatura.
Ripresa senza cambi da parte biancorossa e match che si incanala sempre sugli stessi binari, leggero predominio a centrocampo che si alterna da squadra a squadra, Serena a sparare in avanti fucilate per il numero 9 e Cu.Bo a tentar di controllar la boccia spesso senza riuscirci. Sbadigli in tribuna con i presenti tenuti svegli solamente grazie all'incessante martellamento di tamburi degli "Ultras Cubo" da oggi dotati pure di megafono.
Si rotola stancamente fino all'occasione che avrebbe potuto cambiare l'esito del match e, probabilmente, anche dell'intero campionato: azione in percussione di Doraci che salta i due centrali difensivi e si ritrova a tu per tu nuovamente con il numero 1 del Serena80, la cannonata da distanza ravvicinata grazia nuovamente gli ospiti con la palla che atterra all'ingresso della Bologna-San Lazzaro e con essa anche i sogni di gloria dei Cubisti che ora dovranno sgomitare nelle prossime due finali per capire da che posizione si inizierà i playoff.
Per le interviste di fine gara vi invitiamo a sintonizzarvi su "Radio Nettuno" giovedì 30/03/2017 alle ore 16:30 dove si parlerà di questo match. almeno così ci hanno detto di dire.

Migliore in campo: Tanfani

 

mister intervistaPartita equilibrata con poche occasioni da goal giocata principalmente a metà campo. Di fronte probabilmente le migliori difese del campionato e direi che hanno svolto egregiamente il loro compito visto che le occasione da goal sono state veramente pochissime, ne possiamo contare due per noi a tu per tu con il portiere, mentre per i nostri avversari, una traversa, su un cross sbagliato. La partita non è stata certamente bella, ma è stata agonisticamente combuttata e, soprattutto mi preme sottolinearlo, corretta. Noi non siamo stati molto brillanti in fase offensiva e devo dire che mi aspettavo qualcosa in più dalle mie "frecce" offensive. In alcuni momenti dell'incontro siamo stati troppo larghi a metà campo, lasciando ampi spazi tra i reparti e le linee e i due mediani hanno faticato più del dovuto. Difesa attenta e concentrata che ha concesso il nulla con il nostro portiere che ha curato l'ordinaria amministrazione. Grazie come sempre a tutti i ragazzi che hanno sofferto in panchina. Ora si pensa al San Donnino che ci attende venerdì sera per lo storico "derby del Pilastro" dove invito seriamente i miei a non fare l'errore di guardare la classifica per non incorrere in brutte sorprese.

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets