Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Cu.Bo - Ponte Ronca 3-1

Scritto da Administrator Il . Inserito in Partite

Cubo-Ponteronca 3-1Ultima partita ufficiale e salvezza raggiunta grazie alla doppietta di Fuligni e al timbro di Abubakar, regola del "3" rispettata, forche caudine dei playout evitate senza troppi patemi e, per il 6° anno consecutivo, siamo in massima serie.

Stagione partita male ma terminata tutto sommato bene quando finalmente ci siamo riscoperti squadra anzichè singoli individui che corrono dietro ad un pallone, quando finalmente abbiamo trovato giocatori complementari dove chiunque può entrare e dare il suo contributo, quando ci siamo accorti di aver perso solo 2 volte negli ultimi 5 mesi (perdendo gol solo nei minuti finali tra l'altro - n.d.r.), quando ci siamo resi conto che tutti sono importanti, ma nessuno è indispensabile, ecco, in quel preciso momento è nato il Cubo della stagione 2015/16 e, si spera, da queste basi nascerà il prossimo.

Prima della doverosa cronaca del match vogliamo assolutamente fare un grossissimo in bocca al lupo al nostro Dario che ieri ha lasciato sul campo un ginocchio, tieni duro vecchia quercia, riprenditi in fretta che ti aspettiamo più forte di prima.

Fredda cronaca....

A distanza di 36 ore le due compagni si ritrovano nuovamente per disputare la gara di ritorno dei playout, in base ai buoni rapporti tra le due società e l'avvallo del Direttore di Gara ci si accorda di attendere le 21:00 anzichè le 20:30 come da calendario in modo da permettere ai ragazzi provenienti da Ponte Ronca di giungere sul campo di S.Donato. Si parte dal risultato di zero a tre per i Cubisti ma Mister Baldini esorta i suoi "pipperi" a non abbassare la guardia e possibilmente evitare di rimettere in gioco gli avversari provando subito a segnare la rete della sicurezza già dai primi minuti di gara. Molte assenze causa concomitanza del C7 e acciacchi vari ma alcuni recuperi permettono comunque di avere alternative in panchina.

Completo blu scuro con bordi biancorossi per i padroni di casa, gli ospiti rispondono in maglia bianca, l'arbitro replica in giallo.

Per questa ultima gara stagionale Mister Baldini ridisegna il suo 4-2-3-1 con le seguenti pedine:

De Biase, Galli, Melis, Valentini, Calò, Ventura, Pazi, Falasca, Fuligni, Abubakar, Giudiceandrea

In pratica dei titolari di appena due giorni prima solo in 4 vengono rimessi in campo, questa la forza di quest'anno del Cu.Bo che purtroppo solo un pò tardi è stata potuta mettere in atto.

Pronti via e si intuisce immediatamente quale sarà il canovaccio dell'intera gara: Ponte Ronca a gettare palloni in mezzo con "fucilate" dalla propria metà campo e Cu.Bo a provare a sfondare soprattutto a destra sfruttando la velocità; pochi minuti ed è già materiale per la moviola: lancio millimetrico di Abubakar per Giudiceandrea che scatta in posizione abbondantemente regolare ma il Direttore di Gara fischia l'offside; Abubakar è una vera e propria spina nel fianco degli ospiti e spesso riesce a sfondare con una certa regolarità dalla parte destra. Successivamente è ancora Giudiceandrea a sfruttare una indecisione della retrogrardia ospite e tentare il pallonetto furoi di un soffio.

La spinta dei Cubisti per cercare immediatamente di mettere la parola fine sulla disfida è buona e grazie a una punizione di Fuligni deviata dalla barriera si portano in vantaggio 1-0 e gara in discesa...ci si augura...ma il Ponte Ronca non fa una piega e ricomincia a caricare a testa bassa come se non ci fosse un domani.
Al minuto 15 il fattaccio: su un pallone scodellato in mezzo, De Biase si avventa sulla sfera con i piedi ma cadendo si infortunia e il ginocchio fà "crack"...al suo posto un incredulo Gardesani che con l'entusiasmo di un minatore del Klondike si infila i guantoni a più di 2 anni di distanza dall'ultima gara tra i pali, ma nemmeno il tempo di prendere le misure e rendersi conto di quanto sia grande la porta che il numero 10 approfittando di una "bucata" difensiva lo impallina con un tiro da distanza ravvicinata. 1-1 e, seppur con poche speranze, la panchina del Ponte Ronca stoicamente ci crede.

Ancora Supereccellenza I Cubisti, ancora scossi per l'accaduto a De Biase accusano il colpo dopo 5 minuti, da calcio d'angolo, lasciano colpire di testa dentro l'area il numero 5, questa volta Gardesani riesce con un colpo di reni e svitandosi una vertebra a togliere la palla dall'incrocio e deviare in corner. Il pericolo scampato desta dal torpore i biancorossi che ricominciano a giocare e, così facendo, fanno arretrare gli avversari di quei metri necessari per proteggere la porta.

Il secondo tempo vede l'arrivo della nostra amica fidata nuvoletta del ragioniere che, fedele al suo compito, inizia a scaricare acqua sui malcapitati (ormai se non è bagnato non è campionato). Con solamente 40 minuti per recuperare 5 gol (obiettivamente un'impresa al limite dell'impossibile), gli ospiti rallentano e mostrano il fianco alle terribili ripartenze di Abubakar che negli spazi ampi va a nozze e solamente altri 3 fischi "discutibili" impediscono al giovane Ghanese di trovarsi faccia a faccia con il portiere del Ponte Ronca.

Inizia la girandola dei cambi da parte di Mister Baldini soprattutto dettata da infortuni ma la gara continua ad essere di monologo biancorosso, tant'è che dalle parti di un inzuppato Gardesani, ben protetto dalla volonterosa difesa Cubista, i pericoli si centellinano e l'improvvisato numero 1 deve solo amministrare alcuni traversoni quasi innoqui. Dall'ennesima sgroppata di Abubakar altra occasionissima con una conclusione che centra in pieno il palo, prologo ad un atterramento in area che sancisce la prima doppietta di Fuligni e che porta il risultato sul 2-1.

C'è tempo per la gloria personale sempre di "Abu" che si congeda dai suoi compagni con una rete dopo aver saltato anche il portiere per il 3-1 finale e tutti sotto la doccia.

Stagione a due facce: la prima parte terrificante, 5 sconfitte consecutive, la scarsa presenza e discutibile serietà di alcuni elementi hanno fatto sì che di piacevole ci fosse ben poco, fortunatamente il 2016 ci ha regalato valide alternative ma soprattutto affidabili giocatori; gente da Cubo insomma, gente su cui, si spera, poter contare per la prossima stagione. Peccato sia finita sul più bello, quest'anno abbiamo giocato solo mezzo campionato ma si è cominciato a intravedere qualcosa di importante, l'augurio è di riposarci, divertirci questa estate e rivederci tutti l'anno prossimo. Questa sarebbe la vera vittoria. GRAZIE A TUTTI #WEARECUBOCALCIO.

Migliore in campo: Abubakar, Gardesani

 

mister intervistaCe l'abbiamo fatta! Salvezza raggiunta! Non è il traguardo che ci eravamo prefissati ad inizio stagione, ma per quello che si è verificato durante l'anno possiamo essere abbastanza soddisfatti, soprattutto perchè dopo il girone di andata nessuno di noi avrebbe pensato che saremmo arrivati vicinissimi a conquistarci un posto nei Play-off sfumato purtroppo per pochi minuti. In questa doppia sfida con il Ponte Ronca credo che dopo l'andata il discorso fosse chiuso, ma quando di mezzo c'è il Cubo bisogna stare sempre con le orecchie dritte e aspettarsi di tutto perchè i Cubisti sono decisamente matti, soprattutto in campo. La prestazione non è stata esaltante nonostante i tre goal, partita non bella, ma l'importante era chiudere con una vittoria il campionato 2015/16. Ora possiamo dedicarci con calma ai tornei di fine stagione che inizieranno a fine maggio e che serviranno per visionare nuovi ragazzi da inserire eventualmente in organico, per rinforzare una rosa che ha dimostrato già quest'anno, solamente nel girone di ritorno, di potersela giocare con tutti. Forza Cubo

whatsapp..anche se sono arrivato solo a metà campionato ci tenevo a dirvi che mi avete fatto sentire come fossi stato con voi da sempre dandomi tante responsabilità e trattandomi da pari nonostante fossi il più piccolo. Adesso ho capito perché mi mancasse così tanto il calcio a 11,e voi mi avete dato la possibilità di ricominciare a vivere quei bei momenti che non passavo da tempo. Per questo vi ringrazio e spero di rivedervi anche la prossima stagione per continuare questo cammino appena intrapreso e toglierci tante altre soddisfazioni!GRAZIE CUBISTI - G.C.

whatsapp..sono abituato a sintetizzare per cui sarò breve. É il mio primo anno al Cubo, spero sia il primo di una lunga serie... ed è stato un pelo complicato calcisticamente ma bellissimo socialmente, posso dire di avere una squadra di calcio e un'altra famiglia in più qui a Bologna. Dovessimo rimanere gli stessi di questo fine campionato dall'anno prossimo secondo me abbiamo buone possibilità di toglierci tante soddisfazioni. Bella regaz #ForzaCubo - A.M.

whatsapp..un gruppo in cui non siamo solo compagni di squadra ma amici, nonostante la differenza di età e di esperienze siamo diventati una famiglia spero di rimanere per tutta la stagione l'anno prossimo, ma posso assicurarvi che finché ci sarò mi spaccherò il culo per la squadra! Daje CUBO - G.M.

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets